PRIMAE NOCTIS
Ruben Pang

Ruben Pang

Aetheric Portraiture

Pubblicato da: Primae Noctis Art Gallery
"Aetheric Portraiture" mette in scena una cancellazione dei confini ben definiti: immagini senza volto spiazzano l'osservatore e lo conducono verso un'oscillazione tra colore e forma, tra proiezione e percezione. Queste composizioni sono un flusso e riflusso costante: strati applicati e rimossi, volti emergono e si disintegrano. Una gravità sfuggente pervade questi dipinti, senza occhi per catturare lo sguardo degli spettatori, senza una distinzione per delineare pelle, tessuto e etere. 
Invocando I fantasmi della tradizione della pittura e i suoi derivati nel film, l'artista è alla ricerca di aperture spazio-temporali: Ruben Pang cerca di prolungare lo sguardo in un'epoca in cui le immagini si consumano come il fuoco e il lavoro della vita intera di un artista viene distillato e caricato a 60 fotogrammi al secondo.La cultura remix dei musicisti elettronici ha fortemente influenzato questo approccio. Queste opere sono un alveare della memoria: espressionismo, astrazione formale e barocco si fondono come rumore bianco, di sottofondo, ed energia potenziale. 
"Egli vorrebbe far riconoscere un'atmosfera bidimensionale nei suoi dipinti, un forzato livellamento degli strati in riferimento alla planarità di Gerhardt Ritcher. Tuttavia, la tecnica è il "sale e pepe" del lavoro, un condimento, è in definitiva l'immagine che offre una panoramica del funzionamento interno di questo giovane artista. " 

Jim Amberson